Comune di Minturno

Eventi Dicembre 2018


Sei in: Home » Il Turista e il Territorio » Il Turismo eno-gastronomico

Il Turista e il Territorio

 

Il Turismo eno-gastronomico

La duplice connotazione marinara-collinare del comune pontino si riflette anche nella gastronomia, dove primeggiano piatti a base di pesce e minestre di legumi, freselle (pane biscottato condito con olio d'oliva, origano e pomodoro), salumi, olive, vino, marzoline (formaggi a forma cilindrica), agrumi, ben supportati dalla mozzarella di bufala della vicina “scuola campana”.

Il gastronomo romano Apicio, vissuto nel I secolo d.C., sceglieva spesso la terra aurunca per i suoi banchetti interminabili. Scrisse De re coquinaria, un ricettario che costituisce la principale fonte sulle abitudini alimentari nell’antica Roma. Il testo, suddiviso in dieci libri, raccoglie i segreti per preparare gustosi manicaretti (tra i quali la "seppia cotta e farcita", il "pasticcio apiciano" e il "maiale traianeo"). "Apicio - scrisse nel 1854 il canonico Gaetano Ciuffi - veniva a Minturnae per mangiare i gamberoni che a caro prezzo pagava. Saporiti e ricercati sono i pesci che nella marina di Scavoli (oggi Scauri) si prendono con più sorte di reti".

Allegati


Fine dei contenuti della pagina

Sito ufficiale del Comune di Minturno

Logo attestante il superamento, ai sensi della Legge n. 4/2004, della verifica tecnica di accessibilità.

Via Principe di Piemonte, 9 - 04026 Minturno (LT)
Tel. 0771-6608200 - Fax 0771-6608249
C.F.: 81003430592

Realizzazione
ImpresaInsieme S.r.l.Proxime S.r.l.